Ducati Multistrada 1000DS

Ho acquistato la Multistrada nel Maggio 2004, quando per la mia 748s si prospettavano alcune riparazioni non proprio economiche. Inoltre girare per strada con una moto così estrema iniziava a diventare un po’ pericoloso (in realtà sono solo scuse, una moto così bella non si lascia scappare…).
Dopo averla provata quasi per scherzo dal concessionario Ducati di Lecco, per aver sentito della sua fantastica guidabilità, l’ho comprata.
È davvero una moto piacevole, divertente, versatile, veloce… È un buon mix di ottime qualità!

Purtroppo ha anche qualche difetto. Secondo me anche troppi dato il prezzo del mezzo:

  1. Specchietti inutili
    vibrano quasi più di quelli del 748, ma peggio ancora non sono regolabili ed una persona alta come me (184cm) al più riesce a vedere l’asfalto
  2. Cavalletto debole
    il cavalletto originale delle serie 2003/04 sono molto corti e deboli, e poggiano su una base molto piccola. Per fortuna dalla versione 2005 (o se avete rotto sufficientemente le balle al vostro concessionario, sostituito in garanzia anche per le prime serie) è stato rinforzato ed allungato
  3. Segnalatore benzina
    segna quello che gli pare, ma non il livello del carburante corretto. La Multistrada ha un bellissimo cruscotto ricco di funzioni, che forniscono, ad esempio, il consumo medio edautonomia di km. Peccato che la moto abbia circa 250km di autonomia, ma dopo 100km si accende la spia della riserva! Diventa tutto inutile, tranne l’essenziale contachilometri parziale, senza il quale sarei sempre a spingere la moto o a fare rifornimento
  4. Sella molto rigida
    la sella è in perfetto stile sportivo Ducati, ovvero una tavoletta di legno. Magari sul748 poteva passare quasi inosservata, ma su una moto con una posizione meno costretta dopo due o trecento chilometri si fa sentire

Sono forse piccole cose, ma che un cliente non si aspetta dopo aver sborsato la folle cifra di 12000€.
A parte questo la moto è davvero bella da guidare. Ti permette di andare a spasso a guardare i paesaggi come fare delle belle pieghe sui passi di montagna, senza temere le ultracavallate supersportive da pista.

La mia MTS ha subito alcune piccole modifiche:

Alzata la moto di 10mm
Siccome mi capitava spesso, soprattutto con le gomme originali, di grattare il paracalore del tubo di scarico posto sul lato destro del motore, ho fatto sfilare la forcella ed alzare il posteriore
Parafango posteriore
Per proteggere il monoammortizzatore posteriore ho comprato un parafanghino posteriore.
Preso per 120€ su barracudamoto.it.
Per esperienza conviene spendere un po’ di più (150€) e prendere quello già verniciato. Per colorarlo ho dovuto usare parecchia vernice, ed ho notato che in alcuni punti le vibrazioni hanno fatto staccare il colore.
No-kat
Rimosso il catalizzatore posto davanti alla ruota posteriore, per guadagnare qualche cavallo (si parla di 4/5) e ottenere maggiore fluidità dell’erogazione.
La spesa è relativamente esigua per il guadagno ottenuto (240€ su ducatimultistrada.it).
Imbottita sella passeggero
Come test ho fatto imbottire da un comune sellaio di Lecco la sella del passeggero. Con 50€ (contro i 150€ di una sella morbida Ducati) ho ottenuto una sella più confortevole senza spendere uno sproposito. Appena ho tempo smonto anche quella del pilota (decisamente meno facile da rimuovere) e faccio eseguire lo stesso lavoro.
Specchietti Far
Vista l’inutilità degli specchietti originali, e vista la necessità di guardare alle spalle senza dover girare la testa, mi sono deciso ad acquistare degli specchietti decenti. Grazie ad una lista d’acquisto del forum di ducatimultistrada.it, sono riuscito ad acquistare degli ottimi e belli specchietti Far a 85€ spedizione inclusa.

Peccato che le vibrazioni della moto abbiano spezzato la plastica interna…

Borsa da serbatoio e laterali
Seguendo i consigli del forum di ducatimultistrada.it, ho acquistato il set completo di borse Famsa per la Multistrada. La borsa da serbatoio è capiente e comoda. Quelle laterali sono anch’esse belle, ma sinceramente non mi sono trovato completamente soddisfatto. Sono un po’ scomode da mettere/togliere, e poi ho avuto una brutta esperienza sotto la pioggia: quando mi sono fermato le sacche impermeabili erano piene d’acqua (tirata dentro forse dai supporti che arrivano dalla sella o dalla ruota posteriore), e quindi le cose riposte in basso nelle borse erano completamente bagnate.
Coprifrizione
Il tipico scampanellio della frizione a secco Ducati non poteva essere soffocato!

All’inizio ho montato il coperchio che usavo sul 748, ma su un motore a vista è secondo me troppo esposta.

Allora ho preso un coprifrizione in carbonio completamente chiuso con sei fori in corrispondenza delle molle. 50€ su ebay.

Cavalletto 2005
Ecco il cavalletto sostituito in garanzia. Decisamente meglio!
Da notare che Ducati non ha fatto un richiamo ufficiale per la sostituzione del cavalletto, ma viene cambiato solo a chi si è lamentato presso il concessionario.
Frizione rinforzata
Con l’occasione del tagliando di inizio stagione (apr 2006) dovevo cambiare la frizione (dischi e campana). Così ho fatto mettere la campana in ergal rinforzata, made by biellacorse.it. Tra l’altro è un ottimo meccanico Ducati, per cui se siete delle parti della Brianza ve lo consiglio vivamente.
Volano alleggerito

Con l’occasione di qualche tagliando, ho fatto limare da biellacorse.it il volano. Un incremento notevole di accelerazione!


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

 

a place that does not exist